giovedì 19 maggio 2016

THE NICE GUYS

di Egidio Matinata

Un film di Shane Black. Con Russell Crowe, Ryan Gosling, Angourie Rice, Matt Bomer, Margaret Qualley, Kim Basinger. Commedia, azione, thriller. USA 2016. Durata: 116 minuti.

The Nice Guys è un film divertentissimo; si, è una cosa molto banale da dire, ma è certamente un giudizio vero e sincero (spesso il vero e il banale coincidono). Si esce dal cinema con il sorriso in volto dopo essere stati sballottati su queste montagne russe per quasi due ore e si avrebbe voglia di continuare a seguire le avventure dei personaggi che hai appena abbandonato.
La strana coppia di protagonisti che guida questa folle carovana è composta da Jackson Healy (Russel Crowe), picchiatore su commissione, e Holland March (Ryan Gosling), un goffo detective privato. Si ritrovano in questa Los Angeles degli anni ’70 (libertina, stravagante decisamente trendy, ma anche “marcia", dove lo smog ricopre tutto come una crosta e in cui Hollywood Boulevard è diventata un "letamaio di pornografia”) per risolvere il caso di una ragazza scomparsa e la morte di una porno star che apparentemente non sembrerebbero collegate, ma che in realtà nasconde una cospirazione molto più grande di quanto possano pensare.

Rispetto a quanto si potrebbe pensare, il film si appoggia certamente sulle spalle dei suoi due ottimi interpreti, ma prima ancora è una sorta di reinterpretazione/rilettura/parodia della letteratura hard-boiled e del cinema noir e poliziesco. Volendo, potremmo dire che il film di Shane Black è un coktail di Ellroy (anche se effettivamente non si tratta di uno scrittore hard-boiled) e Il Grande Lebowsky, il tutto agitato nello shaker del buddy-movie. Nella struttura si avvicina molto (ma senza aderirvi mai fino in fondo) al poliziesco e al noir, lasciando allo spettatore la sensazione di essere sempre un passo indietro rispetto all’evoluzione della storia e rispetto a ciò che sanno (o pensano di sapere) i protagonisti. Così, man mano che la trama si dipana, gli indizi vanno al loro posto e i casi iniziano ad assumere una forma e una logica, iniziamo a conoscere sempre di più il passato, i dettagli e le sfumature dei protagonisti. Merito di Black e del suo co-sceneggiatore Anthony Bagarozzi è anche quello di impostare l’azione (non intesa come scene d’azione) tanto sul piano verbale quanto su quello fisico; il relazionarsi di Healy e March, sia tra loro che con gli altri personaggi, è efficace nei dialoghi ma anche nei momenti di scontro fisico, in cui sentiamo ogni tonfo, ogni scontro e ogni colpo, a volte anche eccessivamente (alla Bud Spencer e Terence Hill). Ma questo eccedere non dà mai fastidio, anche se il registro del film non è improntato esclusivamente nell’andare sopra le righe; c’è anche una vena drammatica, molto lieve e ben calibrata che agisce sullo sfondo.

The Nice Guys è grande cinema di intrattenimento, leggero e divertente, ma solo all’apparenza senza pretese. Nel cast spicca la bravissima e giovanissima Angourie Rice (si, a volte sugli attori bambini si prendono abbagli enormi, ma in questo caso è davvero impossibile non vederne la bravura), oltre a Crowe e Gosling, coppia inedita di eroi fuori dagli schemi e anche maledettamente idioti, che, come in tutte le grandi storie, cambiano rimanendo sostanzialmente gli stessi, in un’avventura ironica, assurda e spensierata.

Scritto e pubblicato per: http://sensidicinema.blogspot.it/2016/05/the-nice-guys-un-film-da-montagne-russe.html

Nessun commento:

Posta un commento