giovedì 9 gennaio 2014

IL CAPITALE UMANO

di Matteo Marescalco
 
Al suo undicesimo film da regista, Paolo Virzì abbandona il genere che ha sempre trattato finora e che gli è valso il titolo di erede contemporaneo della grande commedia all'italiana e dirige il suo primo noir, non privo, comunque, di sottili venature ironiche, che si candida ad essere la sua opera più ambiziosa. La sceneggiatura, curata dal regista con la collaborazione del solito Francesco Bruni e di Francesco Piccolo, è tratta dall'omonimo romanzo di Stephen Amidon. Il lungometraggio è incentrato sul disfacimento economico e morale italiano, affrontato ponendo l'attenzione, tramite la sapiente struttura reticolare della narrazione caratterizzata da una scansione in capitoli che offre, a seconda dei personaggi, più punti di vista differenti sui medesimi eventi, sulla famiglia di Dino Ossola (interpretato da un magnifico Fabrizio Bentivoglio mai così sopra le righe), uomo comune che mira al salto sociale, e di Carlo Bernaschi (il luciferino e “tirato” Fabrizio Gifuni, affiancato da Valeria Bruni Tedeschi, che riesce a rendere perfettamente funzionale la sua costante monoespressività), squalo della finanza italiana, pronto a tutto pur di trionfare sempre e comunque. In questo inferno arido di sentimenti e colmo di tristezza, in cui l'unica cosa che conta è il valore economico delle cose più che quello simbolico delle relazioni umane, Virzì segue i suoi personaggi per un periodo che nel racconto si estende per sei mesi, tra rivendicazioni e frustrazioni, sogni irrealizzati e ambizioni di potere, rimpianti e collisioni sociali, fino alla tragedia finale che, però, lascia ben poco spazio alla catarsi. In questa amara riflessione sull'essere umano, in cui le persone prese in considerazione si ergono ad emblemi della situazione italiana contemporanea, non c'è tempo (ricordate che il tempo è denaro) per la speranza filiale né per la redenzione. Ciò che resta è un vuoto incolmabile. Con la consapevolezza che i primi resteranno primi e gli ultimi sempre ultimi.

Voto: ★★★1/2
 

Nessun commento:

Posta un commento